Le parole della violenza: rompere i silenzi, dar valore ai racconti.

pubblicato 20 ago 2017, 09:18 da CISL Scuola

Invitiamo a partecipare all'incontro in oggetto!

Scaricate l'allegato per maggiori informazioni. 

La Commissione provinciale per le Pari Opportunità tra donna e uomo e la Provincia autonoma di
Trento promuovono l’iniziativa “
Le parole della violenza” dedicata agli aspetti culturali della violenza maschile contro le donne, nel rispetto della Convenzione di Istanbul che elenca tre campi di intervento per contrastare la violenza: protezione, punizione, prevenzione, ra orzando l’autonomia e l’autodeterminazione delle donne (empowerment).

Le parole della violenza” si rivolge in particolare a chi opera direttamente con le donne che chiedono aiuto per uscire da condizioni di violenza e a coloro che abbiano interesse a nutrire maggiore consapevolezza sull’argomento.

Ri ette sulle pratiche culturali messe in atto per contrastare la violenza di genere, si so erma
sulle strategie relative al racconto, l’ascolto e l’interpretazione delle narrazioni, avvia un’analisi critica dell’importanza e valore del raccontarsi da parte di chi ha subito violenza quale passo primario per la gestione di questo crimine, e della cruciale necessità di riconoscere tutte le sfaccettature del raccontarsi, espresse anche da silenzi, frammenti e umi di parole incontrollate.

Dedica particolare attenzione a chi riceve e ascolta questo raccontarsi, nella consapevolezza che il delicato compito di accoglienza si deve tradurre nella capacità di conferire valore formale alla narrazione per riconoscere in essa il fatto di violenza. 


Considera che operatrici e operatori devono tradurre, ridurre, adattare queste narrazioni a verbali, moduli o schede, e interroga quanto si riesca a cogliere o invece si possa travisare
e perdere nel lavoro quotidiano di ascolto
, comprensione, valorizzazione, comunicazione e in ne di traduzione del raccontarsi

Ċ
CISL Scuola,
20 ago 2017, 09:18
Comments